Quattro bresciani morti in un solo giorno per il coronavirus: chi erano le vittime

Danfio Bianchessi, Giuseppe Brontesi, Daniele Pizzamiglio, Pietro Tomasoni: sono questi i nomi dei morti di coronavirus in provincia di Brescia

Giuseppe Brontesi di Brescia, Daniele Pizzamiglio di Quinzano d'Oglio, Danfio Bianchessi e Pietro Tomasoni di Orzinuovi: sono questi i nomi delle ultime quattro vittime nei giorni dell'emergenza coronavirus. Si vanno ad aggiungere al triste bilancio dei decessi che già contava cinque morti: ora in totale sono nove in provincia di Brescia, su 143 casi di positività al Covid-19 (dato aggiornato a mercoledì 4 marzo).

Brontesi e Pizzamiglio, deceduti al Civile

Giuseppe Brontesi abitava a Urago Mella, aveva 81 anni: da qualche giorno era ricoverato al Civile per un peggioramento delle sue condizioni, febbre alta e problemi respiratori. Gli accertamenti biologici hanno confermato la positività al coronavirus. I funerali saranno celebrati venerdì, in forma strettamente privata.

Daniele Pizzamiglio aveva invece 90 anni: anche lui era ricoverato al Civile da qualche giorno. I funerali sono già stati celebrati nella chiesetta del cimitero di Quinzano, il paese dove è nato, cresciuto e ha abitato per una vita intera. Da qualche tempo era vedovo, viveva con la badante. Lo piangono i tre figli.

Bianchessi e Tomasoni, morti all'ospedale di Chiari

Sono entrambi deceduti all'ospedale di Chiari Danfio Bianchessi e Pietro Tomasoni. Tutti e due abitavano a Orzinuovi, il paese bresciano con il più alto numero di casi di positività: pare inoltre che entrambi godessero di buona salute. Bianchessi aveva 80 anni, una vita nella Bassa Bresciana dov'era molto conosciuto. Ex allevatore, era un grande appassionato di calcio: amico di Cesare Prandelli, aveva gestito anche il centro sportivo di Collecchio, provincia di Parma. Lo piangono la moglie, il figlio e i nipoti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Classe 1938, Tomasoni non aveva ancora compiuto 82 anni. Grande sportivo, nonostante l'età: giocava ancora a tennis. Per tutta la vita, o quasi, ha fatto l'autista di pullman. Un volto più che noto a Orzinuovi e non solo: il padre era stato uno degli ultimi campanari del paese. Da qualche anno era rimasto vedovo: Pietro Tomasoni lascia tre figli. A fronte dell'emergenza, il sindaco GianPietro Maffoni ha annunciato una serie di provvedimenti straordinari con effetto immediato, “che potranno risultare impopolari o difficili da accettare, ma che sono necessari e doverosi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento