Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Coronavirus, morti 33 bresciani in un giorno: in Lombardia attesa impennata di casi

Sono 33 in un solo giorno i morti bresciani per Coronavirus, più di 135 in Lombardia: ad oggi sono già 89 i morti bresciani, 468 invece quelli lombardi

Emergenza Coronavirus all'ospedale Civile © Bresciatoday.it

C’è da aspettarsi un’impennata di casi tra mercoledì e giovedì in Lombardia, dopo un solo giorno di tregua armata: martedì 10 marzo sono 322 i nuovi positivi al Coronavirus in tutto il territorio regionale. Il motivo non è riconducibile a un’altalena del contagio, che improvvisamente ha cominciato a rallentare: come riferito dalla Regione e dalla Protezione civile nazionale, i dati del 10 marzo sono parziali perché molti tamponi sono ancora da processare.

In provincia di Brescia 33 morti in un giorno

Nel giorno dell’attesa impennata regionale, con i dati aggiornati, la provincia di Brescia intanto continua a piangere i suoi morti. Stando a quanto reso noto da Ats, sono 33 in un solo giorno: quasi un morto e mezzo ogni ora, e 14 decessi solo in città. Ad oggi sono già 89 i morti bresciani: 468 invece quelli lombardi, di cui 135 tra lunedì e martedì. Non ci sono parole per descrivere una situazione tanto drammatica quanto imprevedibile. E chissà cosa ci sarà da aspettarsi nelle prossime settimane.

L’invito è quello di rispettare le disposizioni di mobilità ridotta valide su tutto il territorio nazionale. Se questa “zona arancione” non dovesse funzionare, sono attese misure ancora più stringenti, fino all’isolamento totale: dunque state a casa, è per il bene di tutti. Al 10 marzo sono più di 1.000 i contagiati bresciani, in aumento di 176 unità rispetto al giorno precedente.

I dati del contagio in Lombardia

La provincia di Brescia diventa così una delle zone più colpite in Lombardia e in Italia. I dati non sono ancora aggiornati, ma dal bollettino della Regione risultano 1.472 casi in provincia di Bergamo, 963 a Lodi, 957 a Cremona, 592 a Milano di cui 246 in città, 324 a Pavia, 119 a Mantova, 317 in fase di verifica. La triste conta dei morti si è fermata (per ora) a 468, il che vuol dire 135 in un solo giorno: su un totale di 5.791 casi di positività al Coronavirus, il tasso di mortalità è ora vicino all’8%.

Un dato che fa comunque paura, anche se la Regione riferisce che si tratta di “persone anziane con un quadro clinico già compromesso”: quasi 9 su 10 hanno più di 75 anni. Ma sono sempre persone, in balia dell’emergenza. In tutto sono 3.785 le persone ricoverate in ospedale, ad oggi il 65% del totale dei positivi: di queste 466 sono in terapia intensiva, il 12% dei ricoverati totali. 

Il Coronavirus in Italia e nel mondo

In tutto il territorio nazionale sono 10.149 i casi di positività al Covid-19, con 631 decessi (tasso di mortalità del 6%) e più di un migliaio di guariti già dimessi. I positivi lombardi valgono circa il 57% del totale, ma è un dato sottostimato: quasi un contagiato su dieci in tutta Italia è bresciano. In tutto il mondo sono 119.132 i casi accertati di Coronavirus, in costante aumento: 4.284 i decessi (tasso di mortalità del 3,5%) e 65.776 i guariti (oltre il 55%). I Paesi più colpiti: se in Cina è tutto fermo da giorni ad oggi 80.956 casi, l’Italia è il secondo Paese più contagiato al mondo. Seguono Iran (8.042 casi), Corea del Sud (7.755), Francia (1.784), Spagna (1.695), Germania (1.565), più di un migliaio anche negli Stati Uniti.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, morti 33 bresciani in un giorno: in Lombardia attesa impennata di casi

BresciaToday è in caricamento