"Gli occhi del paziente che ho intubato non li scorderò mai: per favore state a casa"

A condividere le parole di Alessandra, una soccorritrice in prima linea per l'emergenza Coronavirus, è stato l'assessore al Welfare Giulio Gallera nel corso nella conferenza stampa di aggiornamento sull'emergenza sanitaria in corso

Emergenza Coronavirus al Civile di Brescia © Bresciatoday.it

"Ridurre drasticamente la nostra vita sociale e i nostri spostamenti è l'unico modo che abbiamo per sconfiggere il coronavirus". Queste le parole dell'assessore al Welfare Giulio Gallera nel corso della quotidiana conferenza stampa sull'emergenza in corso, durante la quale è stato condiviso anche l'appello di Alessandra, una soccorritrice: "Gli occhi del paziente che ho intubato stamattina non li scorderò mai. Per favore state a casa".

Aumentano contagi e decessi

La situazione al momento non è per nulla incoraggiante. Al 9 marzo i contagi in Lombardia risultano 5.469 ( +1.280 rispetto a domenica 8), con 2.802 ricoverati (+585 in un solo giorno), 440 persone in terapia intensiva (+41), 333 decessi (+76) e 646 dimessi. Nelle provincia di Brescia i contagi sono a quota 800: qui i dati Comune per Comune.

"La battaglia contro il coronavirus - ha affermato Gallera - rischia di essere persa se non adottiamo immediatamente comportamenti virtuosi. Se la quantità di ricoverati continua a crescere come è cresciuta finora, il nostro sistema sanitario non potrà essere in grado di curare tutti quelli che ne hanno bisogno. Nella zona rossa del Lodigiano, i contagi stanno diminuendo perché le persone rimangono a casa. Così dovremmo fare in tutta la Lombardia".
Rimanere a casa è l'unico modo per battere il coronavirus

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad essere allarmante è anche il dato sulle persone ricoverate in terapia intensiva, che non sono solo anziani. Il 33% infatti ha tra i 50 e i 64 anni. "Si tratta di persone ancora giovani e in salute - ha detto l'assessore - che però a causa di questa infezione necessitano di cure particolari". La raccomandazione a tutti i bresciani e a tutti i lombardi è quindi, di nuovo, quella di rimanere a casa se non per motivi di lavoro, salute o approvigionamento di alimenti e farmaci. "Se rimaniamo al nostro domicilio già nel giro di giorni vedremo la differenza - ha sottolineato Gallera -. Altrimenti il rischio è che il sistema sanitario non riesca a garantire più cure di qualità a tutti quelli che le necessitano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Terribile tragedia: bimba di 7 mesi muore soffocata da un palloncino

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Si sente male in classe, è positivo al tampone: nuova quarantena a scuola

  • Paurosa caduta dal bici, lo trovano in un bagno di sangue: è morto in ospedale

  • "Gentile cliente, il punto vendita chiude": 50 dipendenti scaricati con un cartello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento