Coronavirus, strage senza fine: morto un altro operaio bresciano

Silvano Bernardi, 53enne di Edolo, si è spento nelle scorse ore all'ospedale di Sondalo. Lascia nel dolore la moglie e la figlia: entrambe sono in isolamento.

Ucciso dal Coronavirus, a soli 53 anni. È il tragico destino di Silvano Bernardi, operaio di casa a Edolo. Positivo al Coivid-19, era stato ricoverato nei giorni scorsi all'ospedale di Edolo, ma le sue condizioni sono peggiorate in pochissimo tempo, rendendo necessario il trasferimento all'ospedale Morelli di Sondalo. Ha lottato in un letto del reperto di terapia intensiva, ma a nulla sono valsi gli sforzi dei medici: il 53enne, padre di famiglia, si è spento giovedì.

Lo stesso drammatico destino del 53enne Adriano Foglio di Bagolino, dipendente della Fondital di Vobarno: positivo al Coronavirus, è morto in ospedale per una patologia fulminante.

A comunicare la drammatica notizia, non solo alla comunità, ma pure alla moglie e alla figlia dell'operaio di Edolo è stato il sindaco di  Luca Masneri. Toccante il messaggio scritto dal primo cittadino, in quarantena in attesa dell'esito del tampone effettuato nei giorni scorsi, sulle pagine social del Comune.

Il messaggio del Sindaco

"Oggi la nostra comunità ha perso un suo fratello, questo ci costringe a misurarci con questa devastante emergenza sanitaria che non risparmia nessuno. Questa sera sono veramente triste e mentre scrivo queste parole a stento trattengo le lacrime (non ve lo nascondo). Prego Dio affinché non vi siano altri morti a causa del Covid - 19 e affinché doni conforto ai suoi famigliari. Siamo chiamati come comunità a resistere fisicamente e psicologicamente a un nemico subdolo ed invisibile che ha alterato le nostre abitudini e relazioni sociali. Non dobbiamo abbandonarci al naturale sentimento della paura che ci pervade in queste ore, ma guardare con speranza a quel futuro nel quale l’umanità risorgerà dalle tenebre di una delle sue ore più buie. Dobbiamo resistere e sostenerci gli uni con gli altri solo così supereremo questo momento, solo se sapremo essere una comunità."

La salma di Silvano Bernardi sarà trasportata al tempio crematorio, poi tumulata nel cimitero del paese camuno. La moglie e la figlia non potranno dirgli addio: sono in isolamento e non possono uscire di casa.

Silvano Bernardi è la seconda vittima di Coronavirus della Valle Camonica. Il primo decesso era avvenuto a Bienno: la scorsa settimana era spirato l'82enne Giovanni Cominini. Stando all'ultimo bollettino dell'Ats della Montagna, diramato nel pomeriggio di giovedì, in tutta la Valcamonica si registrano 60 casi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Uccisa dalla malattia in poco più di una settimana, Denise muore a soli 21 anni

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Svuota le casse dell’azienda, compra borse e auto di lusso: nei guai impiegata

  • Coronavirus, 177 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento