rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Emergenza Coronavirus, Donato Greco: "Barriere inutili, il virus non si può fermare"

In un’intervista rilasciata a Rai News 24, Donato Greco - esperto in malattie trasmissibili, igiene e sanità pubblica, epidemiologia e biostatistica medica - spiega perché le misure prese dagli altri Paesi nei confronti dell’Italia non servono a fermare il contagio

Le barriere non servono a fermare il Coronavirus. Parola di esperto. Donato Greco - una delle figure di riferimento dell’epidemiologia e della prevenzione italiane - in una intervista concessa ai Rai News 24 spiega perché, dal punto di vista scientifico, le misure restrittive prese dagli altri Paesi europei, e non solo, nei confronti dell’Italia non hanno senso.

“Siamo diventati gli untori del mondo: è ridicola questa cosa - esordisce l’esperto in malattie trasmissibili, igiene e sanità pubblica, epidemiologia e biostatistica medica -. Il virus cammina per i fatti suoi, indipendentemente dalle grandi barriere: non si può fermare, ma attenuare e contenere”.

Le barriere creano solo danni economici

La sua attenzione si è poi concentrata sulle persone risultate positive al virus: “Chi è risultato infetto Coronavirus ha fatto un test molecolare raffinato e molto costoso. Ma non necessariamente chi è positivo è ammalato e nemmeno un untore. Fermare aerei, navi e costruire barriere non serve a molto. Non c’è alcuna documentazione scientifica che provi che questo modo di procedere fermi il contagio. Sono dubbioso sulla validità, ma certo che queste misure creano un danno molto consistente sociale ed economico all’Italia.”

L’esperto conferma che in Italia sono stati fatti più test per verificare la positività al Coronavirus che negli altri stati europei: “Siamo stati i più bravi, ma anche i più ingenui - ha detto -,  perché con la valanga di test eseguiti, 25mila in meno di un mese, abbiamo superato gli altri paesi europei che sono stati immensamente più tranquilli e hanno subito meno danni.” 

Più utili le misure restrittive adottate a livello locale: “Esistono buone prove scientifiche sull’efficacia delle misure di protezione individuale, quali l’isolamento e il lavaggio delle mani, e anche quelle relative alla chiusura delle scuole.” 

Su come evolverà la situazione nessuna certezza: “La risposta a questa epidemia è stata immensamente migliore rispetto a quelle del passato, ma la situazione è estremamente incerta e non sappiamo esattamente come andrà a finire”, ha concluso Greco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza Coronavirus, Donato Greco: "Barriere inutili, il virus non si può fermare"

BresciaToday è in caricamento