I tempi crematori non bastano, i feretri verranno collocati nelle chiese

La Diocesi di Brescia, su invito della Prefettura, ha acconsentito all'utilizzo delle chiese per posizionare le salme in attesa della cremazione.

La chiesa parrocchiale di Visano

È emergenza per i contagiati, è emergenza per i malati in terapia intensiva, ed è emergenza anche per i defunti. Sempre più persone scelgono la cremazione anziché la tumulazione, e in questi ultimi giorni i (pochi) tempi crematori della nostra provincia sono impegnati a pieno ritmo per accogliere le salme. Purtroppo la situazione è divenuta nelle ultime ore problematica, con gli obitori delle case di riposo e degli ospedali pieni che non sanno come gestire i feretri. Un aiuto in tal senso è giunto dalla Diocesi di Brescia, che per voce di monsignor Gaetano Fontana, vicario generale, ha acconsentito all'utilizzo delle chiese per il posizionamento delle salme in attesa della cremazione.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'invito alla Diocesi è giunto direttamente dalla Prefettura, chiamata a gestire un'emergenza tanto delicata. Oltre al dolore per la perdita, le famiglie dei defunti infatti non possono in questi ultimi giorni celebrare i funerali, se non in forma strettamente privata. Inoltre, se le tumulazioni vengono effettuate, non si può spesso procedere con la cremazione, e ciò implica la ricerca di un luogo adatto per il posizionamento dei feretri in un luogo adatto per diversi giorni. Da qui la disponibilità manifestata da monsignor Gaetano Fontana: «Chiedo a ciascuno di voi di valutare le chiese suffraganee dove poter allocare i nostri cari defunti. Stiamo cercando di capire le misure sanitarie che devono accompagnare questa operazione, ma intanto è importante cominciare a scegliere gli ambienti adatti da mettere a disposizione. Collocare i defunti in depositi o luoghi non congrui riteniamo aggiungerebbe solo dolore ad altro dolore per tante nostre famiglie». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Terribile tragedia: bimba di 7 mesi muore soffocata da un palloncino

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Si sente male in classe, è positivo al tampone: nuova quarantena a scuola

  • Tragedia sui cieli della Lombardia: aereo precipita e prende fuoco, due morti

  • Una frenata e poi lo schianto: padre di famiglia muore sul colpo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento