Coronavirus: dal pizzaiolo allo storico barista, la provincia piange le sue vittime

Tanti volti e personaggi conosciuti nel tragico elenco dei deceduti bresciani nei giorni dell’emergenza Coronavirus: il triste ricordo di chi ci ha lasciato

Foto d'archivio

La provincia di Brescia piange i suoi defunti: tanti, troppi morti in questi giorni. In circa 24 ore, tra sabato e domenica, 46 persone hanno perso la vita per concause legate al Coronavirus: sono 275 i morti i bresciani in meno di tre settimane, 1.218 i deceduti lombardi, 1.809 in Italia, più di 6mila nel mondo. Nel Bresciano è la Bassa il territorio che paga dazio, dove si contano purtroppo le croci più numerose.

Bassa Bresciana

A Montirone è morto a 70 anni Dino Pavarini: imprenditore e manager calcistico originario della Valle Camonica, da una vita abitava nella Bassa. Era stato presidente del Castiglione: il figlio Nicola è allenatore dei portieri della Nazionale, dopo aver lavorato anche per la Juventus e da calciatore indossato le maglie di Brescia, Lecce e Parma. Dino Pavarini era conosciuto in tutta la Bassa anche coma un grande campione di morra.

La comunità di Calvisano piange la scomparsa di Michele Nodari, 78 anni: pizzaiolo e ristoratore, insieme alla moglie Pasqua aveva aperto nel lontano 1983 il ristorante Al Capriccio, ora gestito dai figli Oscar e Fabio. In Franciacorta è morto a 73 anni Gino Fasoli, medico di base in pensione da qualche anno: era ricoverato a Ome, anche lui positivo al Coronavirus.

Valtrompia, Franciacorta, Garda

Si è spento in ospedale anche Carlo Perucchetti, 79 anni di Gardone Valtrompia: ha gestito per decenni la storica (e omonima) macelleria di famiglia, aperta addirittura nel 1870. Lo piangono la moglie Lucia e i figli Giovanni, Giuseppe e Paola. Era molto conosciuto anche Tullio Bonfadini, 88 anni di Iseo: ex dirigente della Cantieri Riva, era il titolare del celebre Bar Porto, dove ancora dava una mano, fino a poco tempo fa. Lascia la moglie Valeria e i figli Carlo, Riccardo e Anna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Primi morti ad Acquafredda e Bovezzo, ma pure in Valtenesi, sul lago di Garda. Abitava a Moniga Davide Bortolotti, 83 anni: insieme al fratello Pietro aveva fondato la storica ferramenta di Piazza Duomo a Desenzano, aperta da più di 60 anni (dal 1954). Lunedì pomeriggio l’ultimo saluto, in forma strettamente privata: lo piangono la moglie Bruna e i figli Delia, Marzia e Simone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Colpo di pistola in Commissariato: agente muore dopo il trasporto in ospedale

  • Abbandonata dal marito, chiedeva l'elemosina in paese, è stata uccisa dal figlio che avrebbe dovuto proteggerla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento