menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nozze solo col permesso di soggiorno, «Chiari comune discriminatorio»

Il tribunale di Brescia ha giudicato di "natura discriminatoria" il provvedimento, datato 26 settembre 2011, che obbligava gli stranieri che volevano sposarsi a presentare il permesso o la carta di soggiorno validi

Il Tribunale di Brescia ha condannato il Comune di Chiari al pagamento di 4.000 euro per le spese processuali per aver emesso un'ordinanza dalla "natura discriminatoria". E' quanto ha comunicato la Cgil di Brescia in una nota.

Il provvedimento, datato 26 settembre 2011, obbligava gli stranieri che volevano sposarsi a presentare il permesso o la carta di soggiorno validi. Il ricorso contro l'ordinanza del Comune guidato dal senatore della Lega Nord Sandro Mazzatorta era stato presentato dalla Fondazione Guido Piccini e dall'Asgi (Associazione studi giuridici sull'immigrazione), insieme alla Camera del Lavoro di Brescia.

"Nella sentenza - si legge nella nota della Cgil - il giudice ha sottolineato che 'la natura discriminatoria del provvedimento è piuttosto eclatante e si è richiamato, a sostegno della decisione, alla sentenza della Corte Costituzionale n.245 del 2011". "Continueremo a contrastare ordinanze e delibere discriminatorie dei Comuni", ha affermato il segretario della Cgil Brescia Damiano Galletti.

(fonte: Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quando ci si potrà spostare tra regioni: c'è una data per maggio 2021

Attualità

C'è chi spacca tutto, chi tenta il suicidio impiccandosi: "Qua dentro è una polveriera"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento