Restano in silenzio i complici degli assassini di Frank

Interrogati a Bergamo, dove sono reclusi, Santokh Singh e Gurgjit Singh, ritenuti i complici degli assassini di Frank Seramondi e della moglie, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere

I complici al momento dell'arresto (foto di repertorio)

BRESCIA – Niente. Nemmeno una parola. Gli indiani Santokh Singh e Gurgjit Singh, reclusi nel carcere di Bergamo e ritenuti i complici degli assassini di Francesco Seramondi e della moglie Giovanna Ferrari, durante l’interrogatorio col Gip Bianca Maria Bianchi si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

La posizione peggiore è quella di Santokh Singh, 43 anni di stanza a Mairano, sul cui capo pendono concorso in omicidio, ricettazione e detenzione di arma da fuoco. Il complice 29enne dovrà invece rispondere solo degli ultimi due capi d’imputazione.

L’arma del delitto sarebbe stata acquistata nel Cremonese, a Robecco d’Oglio, per 2mila euro pagati sull’unghia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

Torna su
BresciaToday è in caricamento