Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Sirmione

Comitato Punta Grò: per un’oasi naturale e in difesa di San Vito

A Sirmione la battaglia degli ambientalisti contro l'urbanizzazione che incalza location di pregio con Punta Grò e San Vito. Dal 2008 a oggi iniziative costanti, ora si aspettano risposte: ad aprile un nuovo convegno

“Quando vengono decise certe cose sarebbe giusto fornire informazioni ambientali  in modo corretto e non soggettivamente orientate”. L’avvocato Laura Simeone ha le idee ben chiare, così come il Comitato di cui è presidente, il Comitato Spontaneo per la Tutela di Punta Grò e del Territorio di Sirmione da poco riunitosi in associazione. Dal 2008 ad oggi sono tante, tantissime le battaglie portate avanti da questo combattivo gruppo di cittadini, alle prese con la strenua difesa di quello che in Italia, ma anche in Europa, è considerato come uno dei territori e delle location più splendide, tutta da salvaguardare.

Proprio per questo con l’amministrazione cittadina non sono sempre andati d’accordo. Perché Sirmione negli anni qualcuna ne ha passata: dalla moria di pesci e volatili alla strage delle alghe lasciate poi sulle rive a marcire, dalle proposte di piantumazione delle nuove palme a discapito dei pini marittimi autoctoni e fino all’urbanizzazione pressante che spinge su Punta Grò e su San Vito. Paradisi naturali, paradisi dei canneti, su cui il Comitato ha sempre dimostrato coerenza, chiedendo più e più volte la loro consacrazione a oasi naturale, magari ad accesso programmato.

“Di quello che chiediamo sembra non gliene freghi niente a nessuno – ci spiega Laura Simeone – e ancora non abbiamo capito perché il canneto dia così fastidio. Nei mesi scorsi abbiamo assistito ad un vero e proprio ‘disastro ambientale’, con moria di anguille, volatili e accumularsi di alghe, tutti nello stesso posto e tutti nello stesso periodo”. Tanto che anche il TGR di Rai Tre non ha perso tempo e si è precipitato sul posto.

Non è facile vincere le piccole grandi battaglie sull’ambiente tutti da soli, e negli anni il Comitato si è valso di collaborazioni e sostegni di pregio, da Italia Nostra a Legambiente, dal Comitato Parco Colline Moreniche a Roverella di Padenghe. “Un’oasi ambientale sarebbe il fiore all’occhiello di Sirmione, soprattutto a costo zero. Quello che ci viene detto, a noi e ai cittadini, è che rappresenterebbe un semplice elemento di disturbo. Abbiamo fatto tante proposte, dai cartelli ai nuovi cassonetti.. mai ascoltate. Abbiamo anche chiesto di organizzare un tavolo di lavoro, su un possibile protocollo ‘d’intervento estivo’ in difesa della flora e della fauna più soggette nel periodo turistico ad elementi di disturbo. Ma il sindaco ci ha detto no, e ha chiamato in causa le finanze pubbliche”.

“Noi però non abbiamo mai chiesto contributi, i soldi dal Comune non li vogliamo”. Su Punta Grò ora pesa la spada di Damocle del nuovo Pgt, con la crescita volumetrica che pare essere quella di un grande albergo, e una riqualificazione che da lontano ricorda il contributo al gusto di cemento della Spiaggetta Feltrinelli di Desenzano. Ma prima di Punta Grò c’è anche San Vito, in cui il canneto è già dato per moribondo e nell’ultimo decennio si è passati dai platani secolari alle nuove abitazioni, fatte apposta (o quasi) per la Fiera annuale del Lusso di Verona.

IL COMITATO E’ ANCHE SU FACEBOOK

“Stiamo combattendo e combatteremo anche per San Vito – aggiunge Laura – area in cui bisognerebbe accertare tutte le verità che sono state dette. A tempo debito avevamo chiesto potesse diventare un SIC (Sito di Importanza Comunitaria), ora chiederemo che lo spazio dei canneti venga mantenuto e conservato, e che tutta l’area rimanga sotto tutela. La partita di San Vito non è ancora chiusa”.

Pochi giorni fa (giovedì 1 dicembre) un convegno dedicato all’ambiente, ‘la bellezza e vera ricchezza del territorio di Sirmione’, con l’aiuto e la collaborazione dell’associazione VivaValtenesi. Prossimo appuntamento rinviato ad aprile, con un incontro dedicato ai giovani, all’ambiente e allo sport. Con qualche special guest d’eccezione, tutto da scoprire. Su cui non vi anticipiamo ancora nulla.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comitato Punta Grò: per un’oasi naturale e in difesa di San Vito

BresciaToday è in caricamento