Cronaca Piazza Europa

Crisi, un (felice) ritorno al passato: mais al posto del cemento

La storia in controtendenza di Comezzano Cizzago, nella Bassa Bresciana, dove al posto di mura e prefabbricati tornano i campi di mais e granoturco. La crisi dell'edilizia che quasi obbliga ad un ritorno alle origini

Campi di mais e granoturco al posto di fondamenta, prefabbricati e muri portanti. Scelta quasi obbligata nella Bassa Bresciana, nei tempi della crisi che non poteva non toccare l’edilizia: terreni edificabili che rimangono tali, senza nemmeno la posa del primo mattone, e la soluzione agricola l’unica disponibile.

Una sorta di decrescita costretta, ma anche un (felice) ritorno alle origini, e al passato. E succede tutto a due passi dalla piazza, a Comezzano Cizzago, dove a poche centinaia di metri da Piazza Europa si vedono queste aree dismesse a metà, e che diventano terreno fertile per coltivare, appunto, il mais.

Una scelta che spesso coinvolge direttamente i proprietari del terreno, lasciato libero per sei mesi alla volta, giusto in tempo per la crescita e la raccolta. Anche se tra le righe qualcuno mastica amaro, perché un terreno edificabile ha certo un valore, un terreno agricolo anche dieci volte meno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi, un (felice) ritorno al passato: mais al posto del cemento

BresciaToday è in caricamento