Crisi, un (felice) ritorno al passato: mais al posto del cemento

La storia in controtendenza di Comezzano Cizzago, nella Bassa Bresciana, dove al posto di mura e prefabbricati tornano i campi di mais e granoturco. La crisi dell'edilizia che quasi obbliga ad un ritorno alle origini

Campi di mais e granoturco al posto di fondamenta, prefabbricati e muri portanti. Scelta quasi obbligata nella Bassa Bresciana, nei tempi della crisi che non poteva non toccare l’edilizia: terreni edificabili che rimangono tali, senza nemmeno la posa del primo mattone, e la soluzione agricola l’unica disponibile.

Una sorta di decrescita costretta, ma anche un (felice) ritorno alle origini, e al passato. E succede tutto a due passi dalla piazza, a Comezzano Cizzago, dove a poche centinaia di metri da Piazza Europa si vedono queste aree dismesse a metà, e che diventano terreno fertile per coltivare, appunto, il mais.

Una scelta che spesso coinvolge direttamente i proprietari del terreno, lasciato libero per sei mesi alla volta, giusto in tempo per la crescita e la raccolta. Anche se tra le righe qualcuno mastica amaro, perché un terreno edificabile ha certo un valore, un terreno agricolo anche dieci volte meno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento