menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una delle serre sequestrate — Copyright © Bresciatoday.it

Una delle serre sequestrate — Copyright © Bresciatoday.it

Arrestati 3 ragazzi: 740.000 euro con maxi serre di marijuana

L'indagine condotta dai Carabinieri delle stazioni di Salò e di Vobarno ha portato all'arresto di tre giovani bresciani che gestivano tre maxi serre di marijuana

L'attività era ben avviata e alquanto redditizia, tanto che i tre giovani, due ragazzi e una ragazza, non avevano altra occupazione se non quella di coltivare piante di canapa, con metodi evoluti e sofisticati in grado di fruttare grossi quantitativi di marijuana da immettere poi sul mercato. Le piantagioni garantivano 4 raccolti all'anno, ognuno dei quali valeva 185 mila euro. 

La piantagione più grande, ben 170 piantine, era collocata in una zona di montagna, lontana da occhi indiscreti in un luogo impervio e difficilmente raggiungibile della Val Degagna. Altre due serre indoor, di dimensioni minori, sono state scoperte all'interno di due appartamenti, in località Carpeneda a Vobarno e a Sale Marasino. Case appositamente affittate per essere  destinate alla coltivazione di piante di 'maria'. La droga prodotta in Valsabbia, per non destare sospetti, veniva spacciata sul lago d'Iseo e in Valle Camonica. 

Le indagini condotte dai Carabinieri di Salò e Vobarno sono partite nel mese di aprile dello scorso anno. Ad insospettire i militari una macchina parcheggiata in una zona impervia in località Degagna di Vobarno.  Dai controlli effettuati il veicolo risultava appartenere a colui che poi si è rivelato essere il deus ex machina dell'organizzazione: un ragazzo classe '86 con alle spalle precedenti per coltivazione ai fini di spaccio. Le successive analisi hanno portato i Carabinieri agli appartamenti di Carpeneda e Sale Marasino. Le eccessive bollette dell'elettricità, fatture da 1500 euro, hanno dimostrato che i militari erano sulla pista giusta. 

Lo scorso 29 luglio il maxi blitz dei Carabinieri, con il supporto del nucleo elicotteristi e delle unità cinofile di Orio al Serio, in val Degagna e nelle due abitazioni ha portato al sequestro di 200 piantine di canapa, più di un kg  di marijuana e 4.500 euro in banconote di diversi tagli. Sono stati rinvenuti anche diversi "libri contabili" sui quali venivano annotati i costi e gli introiti dell'attività. Per i due ragazzi, classe '85 e '86, e per la 25enne sono scattate le manette per il reato di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento