Bimbo morto a poche ore dal parto, 30 indagati: ma il caso è chiuso

La Procura di Bergamo ha definitivamente archiviato il caso sulla morte del piccolo Youssef, il bimbo nato all'ospedale di Calcinato e morto poche ore dopo. Erano 30 gli indagati con l'ipotesi di omicidio colposo

Foto di repertorio

Il caso è chiuso: la Procura ha definitivamente archiviato l'indagine per omicidio colposo che da circa un anno coinvolgeva più di 30 persone tra medici, infermieri e ostetriche degli ospedali di Calcinate e di Bergamo. L'inchiesta avrebbe cercato di vagliare eventuali responsabilità da parte dei dipendenti ospedalieri sulla morte prematura del piccolo Youssef, nato alla 24ma settimana di gravidanza e morto poche ore dopo il suo trasferimento.

Era il novembre del 2014: la madre, che all'epoca aveva 29 anni, era stata pure vittima di un banale incidente stradale che le aveva provocato forti dolori addominali e un ricovero in ospedale, a Calcinate. Dopo vari accertamenti era stata subito dimessa.

Il giorno dopo in ospedale ci era tornata, ma per partorire Youssef: il piccolo è nato ma in gravissime condizioni, e dunque trasferito nella più attrezzata struttura ospedaliera del Giovanni XXIII di Bergamo. Ma circa 15 ore dopo il bimbo ha chiuso gli occhi per sempre.

Da qui l'inchiesta aperta dalla Procura, con una trentina di indagati. Ma ora definitivamente archiviata: Youssef sarebbe deceduto per morte naturale. Ora è sepolto a Cologne, dove ancora abitano i suoi genitori. Era rimasto in attesa del funerale per un mese, perché la famiglia non poteva permetterselo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Covid: 10 morti e 256 positivi, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Oggi conferenza Stato-Regioni: si spera per Brescia zona arancione

Torna su
BresciaToday è in caricamento