Cronaca

Dieci furti in pochi mesi: scarcerato per assistere il padre

Un uomo di 47 anni con un passato più che burrascoso: arrestato per uno scippo e poi liberato, beccato dai Carabinieri dopo aver derubato in chiesa e a scuola. Ma tornerà ancora a casa, per assistere il padre malato

Per farlo arrestare ci era voluto addirittura l’appello del sindaco di Cologne, Carlo Chiari. Il grande accusato, un uomo di 47 anni dal passato più che burrascoso, con un elenco infinito di precedenti penali, soprattutto reati predatori, furti e scippi.

Era già stato arrestato a novembre, beccato a Palazzolo dopo aver scippato una donna. In carcere per qualche giorno, poi di nuovo libero: fermato dai Carabinieri, questa volta proprio a Cologne, e accusato di circa una decina di furti.

Tra questi anche il doppio blitz sotto le feste: aveva rubato sia in chiesa, a due giorni dal Natale, che a scuola, il giorno di Santo Stefano. Finalmente le manette, e un’ordinanza di custodia cautelare, insomma dritto in carcere.

Ma negli ultimi giorni nuovi sviluppi all’orizzonte. Il suo avvocato difensore infatti ha chiesto e ottenuto la libertà vigilata: agli arresti domiciliari per sostenere e assistere il padre ormai anziano, allettato a causa di gravi problemi di salute.

Il rapinatore seriale è dunque tornato a casa, sarà seguito dai Servizi Sociali. E proprio dal Comune, seppur con un sospiro e un po’ di amara delusione, annunciano controlli serrati, sperando in una vera redenzione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dieci furti in pochi mesi: scarcerato per assistere il padre

BresciaToday è in caricamento