menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Operato alla mano il bimbo ferito da un petardo: lesioni irreversibili a tutte le dita

Unica buona notizia: non perderà l'intera mano. L'11enne è stato vittima della deflagrazione di un petardo artigianale al Parco Verziere di Via Don Corioni a Cologne

Non perderà la mano il ragazzino di 11 anni vittima della deflagrazione di una “cipolla” inesplosa, un petardo artigianale che era stato recuperato nel pomeriggio di mercoledì al Parco Verziere di Via Don Corioni a Cologne, in compagnia di alcuni coetanei. Gravemente ferito, è stato trasportato d'urgenza in elicottero all'ospedale Giovanni XXIII di Bergamo, e poi trasferito alla clinica Pederzoli di Peschiera del Garda, dove è stato subito operato.

L'arto è stato in gran parte ricostruito, fatto salvo per le falangi delle dita che sono state tutte asportate. In ogni caso, una buona notizia: non ci sarà alcuna amputazione. Dal botto difettoso è rimasto ferito anche un bambino di 10 anni: dopo l'esplosione si è presentato a casa dai genitori, con il volto ricoperto di sangue.

E' stato ricoverato al Mellino Mellini di Chiari: niente di grave, per fortuna, solo qualche escoriazione. Per questo è stato subito dimesso. Ci vorrà invece almeno una settimana prima che il giovane ricoverato a Peschiera possa tornare a casa.

Sono questi i tempi clinici necessari per verificare che tutto sia andato come doveva. Il ragazzino è stato operato da un'equipe di veri specialisti, capitanata dal chirurgo Rico Bernardini. Ricoverato nel pomeriggo, è stato sottoposto alla delicata operazione verso le 22.30: ci sono volute più di tre ore prima di “liberarlo” dalla sala operatoria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento