Due bambini trovano un petardo e lo fanno esplodere, uno perde la mano

Il terribile episodio mercoledì pomeriggio al Parco Verziere di Cologne: un bambino di 10 anni ha perso parte della mano a seguito dell'esplosione di un petardo

Il parco dov'è avvenuto l'incidente

Anche nel Bresciano l'effetto micidiale dei botti illegali: un bambino di soli 10 anni ha già perso parte della mano destra, a causa della deflagrazione imprevedibile di una cosiddetta “cipolla”, un petardo di grosse dimensioni abbandonato inesploso al Parco Verziere di Via Don Corioni a Cologne. Non è l'unico ferito: anche un ragazzino suo coetaneo è rimasto segnato dalla violenta esplosione. Solo qualche taglio al volto, per fortuna nessun danno permanente.

Su quanto accaduto stanno già indagando i carabinieri, sul posto mercoledì pomeriggio per i sopralluoghi e gli accertamenti di rito. Stando a una prima e attendibili ricostruzione, i due bambini feriti erano al parco in compagnia di altri amici. Un pomeriggio come tanti, negli ultimi giorni delle vacanze da scuola: stavano giocando a pallone quando si sarebbero accorti del petardo inesploso.

Non un petardo qualunque, ma una piccola bomba: in gergo una “cipolla”, un botto dalla miccia spessa e la base rotonda e carica di polvere da sparo. I due ragazzini avrebbero fatto scoppiare qualche petardo anche prima, per riscaldarsi, e poi dato fuoco all'ordigno recuperato al parco. Forse una miccia difettosa, o qualche perdita di polvere da sparo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

  • Si sente male all'Università, poi la situazione precipita: ragazza muore di meningite

Torna su
BresciaToday è in caricamento