Colpi di pistola contro il centro migranti, paura in paese: "Le pallottole non ci fermano"

Sparatoria nella notte allo Sprar di Collebato: cinque colpi di pistola, per fortuna nessun ferito. Nell'ottobre scorso era stata lanciata una bomba carta

A Collebeato torna la paura: cinque colpi di pistola hanno squarciato i muri e gli animi di chi lavora e vive allo Sprar di Via San Francesco, in pieno centro al paese, la struttura gestita dall'amministrazione comunale e dall'associazione Adl Zavidovici nell'ambito del progetto Sprar, il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati.

Non è la prima volta che succede, anche se in forme e modi diversi: lo scorso autunno erano state lanciate due bombe carta, nel giardino della struttura che ospita i migranti (oggi sono rimasti soltanto 6) e perfino all'esterno della casa del sindaco. Questa volta hanno sparato: cinque colpi di pistola nella notte tra sabato e domenica.

Sui muri restano i segni delle pallottole

Sull'edificio restano i segni delle pallottole, che hanno bucato i muri. E' successo intorno alle 3.30, e non ci sarebbero testimoni: un solo ospite della struttura era sveglio, ma non avrebbe visto niente. Tutti gli altri si sono svegliati di soprassalto, in fuga da fame e guerra e improvvisamente ripiombati nell'incubo. 

Le indagini sono state affidate ai carabinieri, sul posto anche con i colleghi del Sis, la Sezione investigativa scientifica: sono stati raccolti i bossoli, e tutti gli indizi utili a ricostruire la vicenda (su cui anche la Procura ha già aperto un'inchiesta). 

"Non saranno le armi a fermare la solidarietà"

Da una prima ricostruzione pare che siano due gli autori del blitz: l'ipotesi, come in passato, è quella di una probabile matrice razzista. Sembra che l'episodio sia stato preceduto nel pomeriggio da un “futile diverbio” tra i migranti e alcune persone: s'indaga anche su questo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Fortunatamente la sparatoria non ha ferito nessuno – fanno sapere l'amministrazione comunale e l'Adl Zavidovici – Ma si tratta di un grave episodio che ci lascia indignati e fortemente preoccupati, a fronte del quale vogliamo sottolineare come il progetto Sprar di Collebeato, attivo dal 2014, abbia saputo fin dall'inizio coinvolgere molti degli ospiti nel tessuto sociale e nell'associazionismo locale. Confidiamo che le forze dell'ordine facciano luce quanto prima sull'accertamento delle responsabilità. Non saranno cinque colpi di pistola a fermare la solidarietà”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

  • Tragedia sui cieli della Lombardia: aereo precipita e prende fuoco, due morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento