Lancia un sasso, sfonda il finestrino di un'auto parcheggiata in casa: poi le scuse

Mistero risolto: nessun atto vandalico volontario ma solo lo stupido gioco di due ragazzini. A Coccaglio il bambino reo confesso ha chiesto scusa insieme alla madre

I danni provocati dal lancio del sasso

Così si legge su Sei di Coccaglio se: “Vi ringrazio per l'interesse e la solidarietà, ma volevo aggiornarvi con un risvolto inaspettato. Stasera verso le 19 si è presentata una ragazza con suo figlio per scusarsi e autodenunciarsi per l'accaduto. Il malfatto è stato chiarito, causato da un gioco poco convenzionale di due ragazzini che non hanno avuto il coraggio di fermarsi e avvisarmi al momento: ma almeno l'hanno confessato a casa. Ringrazio per il gesto”.

E' questo il finale (inatteso) dell'atto vandalico di cui è rimasto vittima un residente di Coccaglio: la mattina del 28 settembre si era infatti ritrovato con il finestrino anteriore destro frantumato in mille pezzi, colpito in pieno da un sasso poi ritrovato ai margini del sedile del passeggero.

Lo sfogo su Facebook non si era fatto attendere, con fotografie allegate: e in paese stava già montando la rabbia per quello che sembrava un gesto volontario (e pericoloso). Non è andata così, come appunto ha riferito – con un altro post – lo stesso proprietario dell'auto danneggiata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Finestrino in frantumi: ecco cos'è successo

Si sarebbe trattato, dunque, di un gioco (comunque pericoloso, che non si dovrebbe fare) in cui erano impegnati due ragazzini: si stavano lanciando dei sassi, uno di questi è finito oltre il cancello della casa e ha sfondato il finestrino. I due inizialmente sono scappati, ma poi il bambino autore del gesto ha confessato tutto ai genitori. E il giorno dopo, con la mamma, è andato a chiedere scusa di persona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento