Cronaca Piazzale Spedali Civili

Muore al Civile dopo l'operazione: maxi risarcimento da 600mila euro

A sei anni dal decesso di G.A., morta a 73 anni, il Tribunale di Brescia ha dato ragione ai familiari: chiesto al Civile un maxi-risarcimento da 600mila euro

Ricoverata in ospedale per una frattura del femore, morta un paio di giorni dopo essere stata operata: sono passati 6 anni da quel giorno, era il febbraio del 2012, e da quel giorno i familiari della defunta – la signora G.A., morta a 73 anni – non si sono mai dati pace. Sempre in cerca della giustizia, dal loro punto di vista: almeno economica, visto quanto riportato dalla sentenza della Seconda sezione civile del Tribunale di Brescia.

Un maxi-risarcimento da circa 600mila euro: questo è quanto – come riporta AdnKronos citando l'associazione Giustacausa – l'ospedale Civile di Brescia dovrebbe versare ai familiari della donna. Il risarcimento, appunto, per quello che è accaduto: così ha deciso il Tribunale. Nel giudizio si entra nel merito dell'episodio.

La donna sarebbe morta per complicazioni, per un'emergenza cardiologica durante l'operazione: un eccesso di potassio nel sangue, che secondo i familiari (e adesso anche per la sentenza) sarebbe stato sottovalutato dai medici, che avrebbero dunque “posto in atto solo rimadi blandi e aspecifici”. E ancora: “La correzione del livello ematico di potassio avrebbe, secondo il principio del più probabile che non, evitato l'exitus della paziente”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore al Civile dopo l'operazione: maxi risarcimento da 600mila euro

BresciaToday è in caricamento