menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina da incubo: i ladri cercano di accoltellare una giovane tabaccaia

Traditi dalle scarpe che indossavano, i due malviventi (un uomo e una donna) che nel pomeriggio di lunedì hanno seminato il terrore alla tabaccheria Take and Smoke di Cividate Camuno

Sono in carcere i due malviventi - una 49enne di Verona e un 28enne di Marone-  che lunedì pomeriggio hanno seminato il panico in un'attività commerciale di Cividate Camuno. 

Coltello contro la giovane tabaccaia 

Volto travisato e coltello in pugno, hanno fatto irruzione nella tabaccheria Take and Smoke di Cividate Camuno, in pieno pomeriggio, minacciando la titolare (una 28enne) con un grosso coltello da cucina. Il 28enne si sarebbe diretto a passo spedito verso il bancone e, dopo aver minacciato la tabaccaia, avrebbe allungato il coltello, cercando di colpirla. Per fortuna la negoziante è riuscita a schivare il colpo, ma non ha potuto fare a meno di consegnare l'incasso - circa 200 euro - ai due malviventi.

La fuga 

Arraffati i soldi, i due rapinatori sono fuggiti a piedi, mentre la commerciante ha immediatamente contattato il 112 e sul posto sono arrivate tre pattuglie dei Carabinieri e una della Polizia Locale. Mentre il comandante della compagnia di Breno visionava le immagini delle telecamere di sorveglianza per diramare l'identikit dei due balordi, sono scattate le ricerche.

Arrestati al bar

Ci sono voluti solo 20 minuti per rintracciare la coppia di rapinatori: i militari li hanno scovati in un bar vicino alla stazione ferroviaria di Cividate Camuno. I due indossavano vestiti diversi da quelli usati per la rapina, ma si erano dimenticati di cambiarsi le scarpe: un paio di stivali in pelle per lei, sneakers di una nota marca per lui. 

Un particolare che non è sfuggito ai carabinieri. Alla vista dei militari, i due hanno provato a scappare: la donna verso i binari della stazione, mentre il suo complice ha provato a nascondersi all’interno di un bagno. Tutto inutile: sono stati bloccati e tratti in arresto per rapina aggravata. La successiva perquisizione ha consentito di recuperare tutto l’abbigliamento utilizzato per il colpo, che era stato nascosto in uno zaino, oltre al denaro che è stato poi restituito alla titolare della tabaccheria.

Chi sono i due rapinatori

In manette sono finiti una 49enne di Verona e un 28enne di Marone, entrambi senza fissa dimora e con precedenti: da qualche giorno si erano allontanati da una comunità della Bassa Bresciana. Per entrambi si sono aperte le porte del carcere di Brescia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento