Ubriaco dà di matto, panico al bar: cerca di prendere la pistola al carabiniere

Attimi di panico sabato sera in un locale di Cignano, frazione di Offlaga: un 40enne pregiudicato, visibilmente ubriaco, ha aggredito e minacciato i carabinieri

Foto di repertorio

Sabato sera a dir poco movimento in un bar di Cignano, frazione di Offlaga: “Ora vi prendo la pistola e vi faccio vedere come ci si comporta”. Questo quanto avrebbe riferito, o meglio minacciato, il 40enne pregiudicato che è stato poi “placcato” dai carabinieri, e denunciato per minacce e resistenza a pubblico ufficiale.

La chiamata al 112 era arrivata solo pochi minuti prima. Nel locale era stato infatti segnalato un cliente che molestava i clienti. All'arrivo dei militari c'erano sette persone – sei clienti più il titolare – oltre al 40enne in evidente stato di ebbrezza alcolica. Ma invece di calmarsi alla vista dei carabinieri, l'uomo li ha aggrediti.

"Ora prendo la pistola"

Quasi a volerli sfidare, faccia a faccia e con tono aggressivo: “Ora vi prendo la pistola e vi faccio vedere”. Inevitabile il panico diffuso tra gli avventori del locale, preoccupati che la situazione potesse degenerare. 

L'uomo avrebbe davvero cercato di sfilare l'arma dalla fondina di uno dei due militari intervenuti. Ma è stato immediatamente immobilizzato e trasportato in caserma a Manerbio, dove è rimasto qualche ora, il tempo di smaltire la sbornia. Al suo risveglio, oltre al mal di testa, si è ritrovato anche una bella denuncia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Travolta e investita da un camion sulle strisce pedonali: donna muore sul colpo

Torna su
BresciaToday è in caricamento