Si stacca un cornicione dalla chiesa, paura in mezzo alla strada

Tutto è successo martedì mattina alla chiesetta di Sant'Agata: un pezzo di cornicione è finito in mezzo alla strada. Sul posto Vigili del Fuoco e Polizia Locale

L'intervento dei Vigili del Fuoco - Foto © Bresciatoday.it

Fortunatamente in quel momento non passava nessuno, nell'area pedonale di Corsetto Sant'Agata che sta di fronte all'omonima chiesetta, di fianco alla Forneria con la Scrocchia e a due passi dalla Banca popolare di Bari e alla libreria Serra Tarantola: per intenderci, praticamente affacciati su Piazza Vittoria.

Il crollo del cornicione

E' qui che martedì mattina si è staccato un pezzo di cornicione dalla chiesetta, caduto rovinosamente in mezzo alla strada: come detto nessun ferito, ma di certo un boato che non è passato inosservato, in pieno centro a Brescia. Sul posto si sono precipitati i Vigili del Fuoco del comando cittadino, con il supporto della Polizia Locale.

I pompieri sono rapidamente intervenuti con l'autogru per la messa in sicurezza della zona, che comunque è rimasta transennata e dunque interdetta al pubblico. La chiesetta di Sant'Agata è un pezzo di storia della città: le sue origini si perdono nella notte dei tempi, addirittura tra il VI e il VII secolo d.C., anche se poi è stata completamente ricostruita nel Quattrocento.

Una storia millenaria

Nei secoli dei secoli si sono succeduti imponenti interventi di restyling e ristrutturazione, fino al Novecento e oltre: il piccolo gioiello cittadino nasconde al suo interno affreschi, opere e statue di grandi maestri del Rinascimento bresciano e non solo, a partire da Antonio Calegari – sono sue le statue all'ingresso della chiesa – fino a Pompeo Ghitti, Francesco Prata e pure il Romanino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il crollo del cornicione, come riferito dai Vigili del Fuoco, non sarebbe conseguenza del maltempo ma dell'inevitabile scorrere del tempo, data la vetustà della struttura. Non si esclude, comunque, che le forti piogge di questi ultimi giorni possono aver accelerato (con infiltrazioni o altro) il naturale processo di erosione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Terribile tragedia: bimba di 7 mesi muore soffocata da un palloncino

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Si sente male in classe, è positivo al tampone: nuova quarantena a scuola

  • Paurosa caduta dal bici, lo trovano in un bagno di sangue: è morto in ospedale

  • "Gentile cliente, il punto vendita chiude": 50 dipendenti scaricati con un cartello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento