menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ragazza stuprata al parco dal branco: “I profughi non c’entrano”

Le parole di Agostino Zanotti, responsabile dell'associazione Adl Zavidovici, sui terribili fatti di Chiari: "I profughi e la loro cultura non c'entrano: è un problema di maschilismo, tanti i casi di femminicidio commessi da italiani"

Fa discutere l’intervista rilasciata al Corriere della Sera da Agostino Zanotti, responsabile dell’associazione Adl Zavidovici, che a Brescia si occupa dell’accoglienza e dell’integrazione dei richiedenti asilo.

A Zanotti è stato chiesto di esprimere un’opinione sui fatti di Chiari, dove - secondo gli inquirenti - una 22enne sarebbe stata violentata da un gruppo di giovani profughi pakistani.

“Premesso che è meglio aspettare l’esito delle indagini, io dico chiaramente che si tratta di un episodio grave - si legge sul Corsera -. Ma alla base di quella violenza non c’è l’identità pakistana o la religione musulmana, ma la stessa bestialità che spinge qualsiasi uomo violento, italiano o straniero, ad aggredire una donna”.

Dunque, per Zanotti, non si tratterebbe di un problema culturale, causato da una diversa considerazione della donna nei paesi musulmani: “Questo problema c’è anche in Occidente - continua Zanotti -: l’uomo che aggredisce le donne è una costante dei nostri tempi, pensi a quanti casi di femminicidio si ripetono anche da noi. Ecco perché dico che non è un problema di culture diverse, ma piuttosto di maschilismo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Covid bollettino Lombardia 7 maggio: tutti i dati

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    Giornate FAI di Primavera 15 e 16 maggio 2021

  • Concerti

    Brescia: Omar Pedrini alla Latteria Molloy

  • Attualità

    Brescia vince il premio "Città italiana dei giovani 2021"

Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento