Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Chiari

Sequestrato allevamento a Chiari: corna recise e fiumi di sangue

L'Oipa ha sequestrato un allevamento di vitelloni per il reato di maltrattamento, dopo aver trovato 10 animali con il capo insanguinato: corna tagliate con una sega a lama rotante

Un allevamento con 348 vitelloni di Chiari, nel Bresciano, è stato posto sotto sequestro preventivo dopo una segnalazione dell'OIPA (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) di Brescia per il reato di maltrattamento di animali.

Le guardie zoofile hanno effettuato un sopralluogo nella cascina bresciana, trovando 10 vitelloni in un recinto con il capo insanguinato. Agli animali erano stati tagliati gli abbozzi corneali; dalle ferite usciva ancora abbondantemente il sangue (foto a lato).

In un'area vicina c'erano altri 25 vitelloni, sempre insanguinati: le corna erano state loro recise nei giorni precedenti. Gli operatori avevano usato una sega a lama rotante per tagliare le corna; una pratica da essi definita "prassi aziendale".


I vitelloni feriti hanno tra le 31 e le 56 settimane, ma il taglio delle corna può avvenire solo entro le prime tre settimane di vita dell'animale e alla presenza di un veterinario.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrato allevamento a Chiari: corna recise e fiumi di sangue

BresciaToday è in caricamento