Cronaca Chiari / Via Antonio Ricci

Chiari: disoccupato, rischia lo sfratto con due figli minorenni

L'uomo ha perso il lavoro nel 2011 a causa della crisi e, con qualche piccolo impiego, riesce a pagare solamente beni di primissima necessità per la moglie e i suoi figli

Decine di attivisti dell’Associazione Diritti per Tutti e del Comitato provinciale hanno bloccato martedì mattina uno sfratto a Chiari, dove, al civico 10 di Via Ricci, rischiava di finire in strada la famiglia di un muratore, in Italia dal 1989, che ha perso il lavoro per la crisi dell’edilizia nel 2011.

L'uomo vive con la moglie e tre figli minori tra i 9 ed i 14 anni, entrambi nati qui, e da quasi tre anni sta cercando disperatamente lavoro, riuscendo però a trovare solo qualche occupazione saltuaria che, a parte i beni di primissima necessità, non gli permette di pagare l'affitto.

Lo sfratto è stato bloccato e rinviato al 15 settembre: "Ora si verificherà - commentano i ragazzi di Diritti per tutti - se la nuova amministrazione comunale si comporterà diversamente da quella leghista che è uscita sconfitta dal ballottaggio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiari: disoccupato, rischia lo sfratto con due figli minorenni

BresciaToday è in caricamento