Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca Via Alcide de Gasperi, 15

Chiari: un piccolo tesoro nell’orfanotrofio abbandonato

La Fondazione Formenti, che si occupa di assistenza e solidarietà ai disabili, nell'ex struttura dell'orfanotrofio di Chiari ha rinvenuto 16 libretti bancari: quasi dei BOT d'antan, e che potrebbero valere decine di migliaia di euro

Un buono postale 'fruttifero' del 1929: quanto vale oggi?

L’ex struttura ‘delle Derelitte’, l’orfanotrofio femminile ormai riqualificato ma che rimane comunque un pezzo di storia di Chiari, potrebbe nascondere tra i suoi soffitti e i suoi vecchi cassettoni un tesoro di altissimo valore.

Lo confermano dalla Fondazione Bertinotti-Formenti, quelli che ad oggi gestiscono la struttura. In occasione di restauri, raccontano, sono stati rinvenuti quasi per caso almeno 16 libretti bancari e postali, obbligazioni e buoni del Tesoro, vecchi anche di un secolo.

Il più ‘antico’ infatti risale al 1909, il più ‘giovane’ al 1958. Tutti insieme fanno meno di 20mila lire dell’epoca, ma chissà quanto potrebbero valere oggi.

C’è chi suggerisce un valore semplicemente simbolico, oppure storico in senso lato. Ma non è da escludere l’ipotesi che, essendo una sorta di BOT d’antan, siano da ‘estinguere’ da parte statale: a dirla tutta, soldi, e forse decine e decine di migliaia di euro.

Denaro che tornerebbe più che utile, e che verrebbe utilizzato dalla Fondazione stessa per proseguire il proprio lavoro in progetti di solidarietà e di assistenza ai disabili.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiari: un piccolo tesoro nell’orfanotrofio abbandonato

BresciaToday è in caricamento