Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Sul confine arriva una nuova discarica: 20.000 mq per trattare rifiuti organici

Il progetto dell'impianto sul confine tra Chiari e Rudiano: un'area da 20mila metri quadrati in cui verrà trattata la frazione organica dei rifiuti solidi urbani. In altre parole, l'umido

Foto di repertorio

Certo non riguarderebbe solo il territorio comunale di Chiari: secondo quanto scrive Bresciaoggi, si traterebbe di un impianto “condiviso” con altri paesi della zona. L'umido deve essere trattato con il cosiddetto “bio-ciclo”, un percorso di smaltimento molto costoso.

Dopo una prima cernita per togliere eventuali impurita non degradabili (metalli, plastica, vetro e altri) i rifiuti organici vengono preparati per le fase successive, da cui si ricavano anche biogas e compost.

Dunque dall'impianto (per ora solo presunto) di Chiari si potrebbe ricavare gas metano, elettricità e anche compost, terreno da compostaggio pronto per essere utilizzato in giardino o in agricoltura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sul confine arriva una nuova discarica: 20.000 mq per trattare rifiuti organici

BresciaToday è in caricamento