Picchiato in classe dal bullo: 7 giorni di prognosi

I genitori degli alunni chiedono che venga assegnato un insegnante di sostegno per aiutarlo a non compiere atti di violenza

Fonte: web

Una settimana di assenza forzata da scuola: per guarire dalle borre prese da un compagno di classe, un alunno dovrà rimanere a casa per sette giorni. La storia arriva da Chiari, da una classe terza della Scuola primaria Turla dove un ragazzino è stato picchiato da un compagno più grande. Al momento non si conoscono i dettagli della vicenda, i motivi che hanno portato alla lite e la dinamica del ferimento, ma ciò che è certo è la prognosi dell'ospedale Mellino Mellini, dove è stato medicato l'alunno vittima del "bullo".  

Ferite, contusioni e segni di schiaffi sarebbero all'ordine del giorno, tanto che un gruppo di mamme ha chiesto un incontro con la dirigenza per sapere come si sta affrontando il problema. Oltre alla preoccupazione per l'incolumità dei propri figli, i genitori hanno avanzato la richiesta che al ragazzino venga assegnato un insegnante di sostegno che lo possa aiutare. Qualcuno avrebbe avvertito della situazione i carabinieri, altri invece sarebbero pronti addirittura a tenere a casa da scuola i propri figli fino a che non verrà trovata una soluzione.   

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lastre di cemento sfondano la cabina del tir: strada chiusa e caos traffico

  • Addio Elisabetta, una lunga lotta contro il cancro: "Sei stata un esempio per tutti"

  • Terribile incidente stradale: un morto, un ferito grave e 8 chilometri di coda

  • Malore al volante, si schianta nel campo e muore: a bordo dell'auto anche moglie e amici

  • Tragico incidente mentre torna a casa dal lavoro: muore padre di famiglia

  • Pontevico, apre nuovo supermercato ALDI: tutte le informazioni

Torna su
BresciaToday è in caricamento