Costretta a spogliarsi, picchiata e strangolata: 3 ore di puro orrore

Notte da incubo per una giovane donna di nazionalità rumena, una escort di 37 anni: minacciata di morte e quasi violentata dal suo aguzzino, un bresciano di 51 anni che era già ai domiciliari

Quando un messaggio su Whatsapp ti salva la vita: poche parole, una sommessa richiesta di aiuto. Ma arrivata alla persona giusta, che ha subito avvisato i carabinieri e ha impedito che potesse accadere di peggio. Il suo aguzzino è stato arrestato, la giovane donna finalmente liberata. La fine di un incubo.

Tutto è successo nella notte tra il 29 e il 30 dicembre, a Chiari. Una escort di 37 anni, di nazionalità rumena, viene contattata da un bresciano 51enne tramite un sito di annunci. Questi la invita a casa sua, per passare una serata insieme.

La donna arriva sul posto, ignara di quello che potrebbe accaderle. Ad aprirle la porta è un omone completamente ubriaco, che subito la paga in contanti. Ma la 37enne a quanto pare non si fida, e si dice pronta a restituirgli i soldi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Nipote 43enne muore dieci giorni dopo la zia: lavoravano nello stesso negozio

  • La tragica fine di Francesca: picchiata e strangolata al parco pubblico

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

  • Le lacrime per mamma Laura, stroncata da un tumore a soli 38 anni

  • Ragazza trovata morta al parco: s'indaga per omicidio

Torna su
BresciaToday è in caricamento