Minacce di morte al sindaco: negoziante condannato a 2 anni di carcere

Condannato a 2 anni e 8 mesi Roberto Donina, negoziante di Ceto: lo scorso inverno aveva minacciato di morte il sindaco Marina Lanzetti, chiedendole mezzo milione di euro

Foto di repertorio

Aveva chiesto al sindaco un “pizzo” di circa 500mila euro: se non li avesse consegnati in tempi brevi, l'aveva minacciata di bruciare il negozio della madre. Minacce di stampo mafioso, che gli sono costate care: Roberto Donina è stato condannato (con rito abbreviato) a 2 anni e 8 mesi di reclusione.

Non solo: dovrà versare circa 8000 euro tra ammenda e spese processuali. La vicenda. Tutto è successo a Ceto, in Valcamonica, l'inverno scorso. Roberto Donina, noto negoziante del paese, era arrivato a minacciare il sindaco Marina Lanzetti, con un tentativo di estorsione da mezzo milione.

Nel mezzo ci era finita la madre del primo cittadino, negoziante anche lei: titolare di un negozio di alimentari che secondo Donina sarebbe andato distrutto (se non addirittura “bruciato”) dai suoi “amici mafiosi”.

Le minacce in pubblico: proprio nel negozio della madre, quando entrambe le donne erano presenti, Donini le aveva minacciate di morte. Erano poi arrivati i carabinieri, e aveva aggredito anche loro. Ora la condanna, con rito abbreviato: 2 anni e 8 mesi per minacce, tentata estorsione, resistenza a pubblico ufficiale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente di un metro e mezzo in classe: panico tra i bimbi della scuola elementare

  • Parcheggia l'auto, poi cammina in mezzo all'autostrada: ucciso da un tir

  • Fabio Volo nella bufera per i commenti su Ariana Grande: la sua replica

  • Attraversa l'autostrada, ucciso da un tir: famiglia devastata, era padre di due bimbi

  • Aperitivi e cocaina: arrestato barista, chiuso il locale

  • Orrore davanti a turisti e passanti: donna si mozza un dito al porto

Torna su
BresciaToday è in caricamento