Ceto: giugulare tagliata dalla lamiera, operaio muore dissanguato

Vittima dell'incidente è Irid Doci, operaio di 35 anni di origini albanesi. Lascia la moglie e due bambini

CETO. Drammatico infortunio sul lavoro martedì pomeriggio in un capannone della della Metalcamuna.

Attorno alle 18.30, Irid Doci, un operaio di 35 anni, è morto dissanguato a causa di un pezzo di metallo 'impazzito', che gli ha tagliato la vena giugulare. L’uomo stava lavorando con una punzonatrice per forare una lamiera, quando è stato raggiunto dalla scheggia.

Di origini albanesi, Doci lascia la moglie e due bambini, assieme alla madre e ai due fratelli che, straziati dal dolore, nel parcheggio della ditta hanno atteso inutilmente qualche buona notizia dal soccorso medico, ma per il giovane non c’è stato nulla da fare.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Covid: 10 morti e 256 positivi, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Oggi conferenza Stato-Regioni: si spera per Brescia zona arancione

Torna su
BresciaToday è in caricamento