menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pincher (foto d'archivio)

Pincher (foto d'archivio)

Accelera e investe con l'auto un cagnolino: ucciso sotto gli occhi della padrona

E' stato individuato l'autore del crudele gesto di venerdì scorso a Ceto: un uomo ha investito e ucciso il cagnolino di una vicina di casa, senza apparente motivo

Per Monica non ci sono dubbi, l'ha fatto apposta: ed è proprio questo che la donna ha raccontato ai carabinieri. E' lei la proprietaria del piccolo Zorro, un pincher di pochi chili (poco più di due) che pochi giorni fa è stato investito e ucciso sotto gli occhi della sua padrona: le è letteralmente morto in braccio. Lo scrive Il Giorno.

E' successo a Ceto, venerdì scorso: la vittima del vicino di casa tutt'altro che affabile è il piccolo Zorro. Il cagnolino era con la sua padrona sulla strada secondaria che porta a casa, quando da lontano i due hanno avvistato un'auto in movimento, ma che risaliva lentamente la salita. Improvvisamente, il conducente ha pigiato sull'acceleratore, a tutto gas.

Cane ucciso e investito

A gran velocità avrebbe travolto e investito il cane, prima di fuggire senza fermarsi. Non solo: ancora un paio di metri e avrebbe potuto investire anche la donna. Il povero Zorro è stato raccolto tra le braccia della padrona, che non ha potuto fare altro che vederlo morire. Inevitabile la denuncia: i carabinieri avrebbero già individuato il pericoloso compaesano, un uomo di circa 40 anni che già in passato aveva avuto problemi con gli animali. Ora potrebbe essere indagato per tentate lesioni e uccisione di animali.

Altro episodio emblematico: qualche tempo fa, quando Monica aveva lasciato per qualche giorno i suoi cuccioli ad un'amica, pare che il 40enne avesse preso a calci, e senza apparente motivo, un altro cagnolino della signora. L'amica della donna aveva provato a intervenire, ed era stata aggredita a sua volta: anche di quell'episodio erano stati informati i carabinieri.

Gli animalisti

Sul tema è intervenuta anche la Lega nazionale per la Difesa del Cane. “Questo episodio è l'ennesima riprova che la violenza sugli animali fa quasi sempre coppia con la violenza sugli umani – si legge in una nota firmata dalla presidente Piera Rosati – A quanto pare quest'uomo è già stato condannato per lesioni personali, ma è ancora libero di andare in giro e fare del male, in questo caso uccidere un povero cagnolino all'interno della sua stessa abitazione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento