Spari al campo nomadi: portato al pronto soccorso in un bagno di sangue

Un uomo di circa 40 anni si è presentato in ospedale in un bagno di sangue, ferito alla gamba con due colpi di pistola: i proiettili sono stati estratti e consegnati ai carabinieri

Sparatoria al campo nomadi di Cazzago San Martino: un uomo di circa 40 anni è rimasto ferito alla gamba, colpito due volte da un proiettile. Ricoverato d'urgenza negli ambulatori di supporto del pronto soccorso del Mellino di Chiari, ha perso molto sangue ma adesso sta meglio: sull'accaduto indagano i Carabinieri.

I militari sono alle prese con un muro di omertà sull'episodio che risale a lunedì pomeriggio: non si esclude la pista del regolamento di conti (l'ipotesi più accreditata), da capire se questo sia stato un primo avvertimento (appunto, i due colpi di pistola alla gamba) o se invece la questione può dirsi finita qui.

Nemmeno il ferito è riuscito a fornire indicazioni più precise: interrogato dagli uomini dell'Arma, pare abbia preferito rispondere di non sapere nulla, a buona parte delle domande che gli sono state poste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento