Tutto il paese piange la 'sua' barista: "Un pezzo di storia che se ne va"

Morta a 69 anni Graziella Olmi, storica barista di Castrezzato: gestiva il bar Graziella dalla fine degli anni '60, prima di allora la famiglia lavorava al baretto delle Acli. Sabato mattina i funerali

Il bar Graziella a Castrezzato

Barista da una vita, e forse anche di più: stare dietro al bancone e servire i clienti in realtà era proprio una tradizione di famiglia. La conoscevano tutti, in paese: la Graziella del bar pasticceria di Castrezzato, e che ha chiuso gli occhi per sempre all'età di 69 anni. Chissà che fine farà l'omonimo locale senza di lei, un pezzo di storia locale da più di mezzo secolo.

Si chiamava Graziella Olmi: lascia il marito Guerrino, i figli Francesca, Emiliano e Gianbattista. Barista da sempre: il bar 'Graziella' ha ufficialmente aperto nel 1969, stava in Via X Giornate a Castrezzato. Poi nel 2000 il trasferimento in Via Roma: ma prima di allora, addirittura negli anni '50, la famiglia Olmi già gestiva il bar delle Acli di Piazza Pavoni.

Impossibile dimenticarsi di lei, dei suoi modi gentili, del suo sorriso contagioso. Come in tutte le sue fotografie. Venerdì alle 20 è prevista la veglia funebre, nella sua abitazione di Via Casella. Sabato mattina alle 10 i funerali. Su Facebook l'amaro ricordo, sulla pagina di 'Sei di Castrezzato se': “Una donna che ha dato tutto per il lavoro e la famiglia. Un pezzo di storia castrezzatese, una donna amata da tutti. Rip Graziella, ora anche tu sei un angelo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento