Cronaca Castrezzato

Polizia: «Il pirata che ha investito Michela non poteva non sapere»

Per il comandante Barbara Barra, "essendo dello stesso centro abitato credo fosse impossibile non sapesse che la ragazza era morta dopo l'incidente"

Ha avuto una "reazione disperata" alla vista degli agenti l'operaio di mezza età fermato nella serata di ieri con le accuse omicidio colposo e omissione di soccorso per aver investito e ucciso la 30enne bresciana Michela Lupatini lunedì sera.

"Essendo dello stesso centro abitato - ha detto il comandante della polizia stradale di Brescia, Barbara Barra - credo fosse impossibile non sapesse che la ragazza era morta dopo l'incidente".

Sull'identità dell'uomo si mantiene il più stretto riserbo, sia per volontà dell'autorità giudiziaria, sia per volontà della famiglia di Michela Lupatini. "Sono molto provati, ma hanno trovato un piccolo spiraglio di luce - ha detto il comandante Barra, che in mattinata ha ricevuto la visita della madre di Michela e dell'avvocato della famiglia - perché è stata individuata la persona responsabile di questo gesto. Non hanno bisogno di altro".

La svolta alle indagini per l'individuazione dell'uomo l'ha data una segnalazione, raccolta due giorni fa dai carabinieri di Chiari. A chiamare i militari è stato il proprietario del furgone, un Daily di colore bianco.


L'uomo ha raccontato di aver prestato il mezzo all'operaio il 15 ottobre scorso, giorno dell'incidente, e ha segnalato la carrozzeria in cui il furgone si trovava per essere riparato. Questo, insieme alle indagini e ai controlli a tappeto condotti nelle scorse ore dalle forze dell'ordine, ha permesso di arrivare al responsabile dell'investimento di Michela Lupatini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia: «Il pirata che ha investito Michela non poteva non sapere»

BresciaToday è in caricamento