Muore stroncato da un infarto mentre sta entrando in azienda

Tragedia al calzificio 2M di Castiglione delle Stiviere: un operaio di 59 anni, Pierre Zoke, si accascia improvvisamente mentre sta per cominciare il turno di lavoro. Ucciso da un infarto

Tragedia a Castiglione delle Stiviere: un operaio di 59 anni è morto colto da un improvviso malore mentre stava andando al lavoro, mentre stava per varcare la soglia della fabbrica tessile 2M. Si chiamava Pierre Zoke, 59enne originario del Benin ma in Italia da quasi 30 anni, sposato e con due figli. Non sono ancora state rese note le date del funerale.

Ucciso da un infarto: improvviso e letale, sotto gli alcuni di alcuni testimoni tra cui uno dei suoi datori di lavoro, che sarebbe rimasto al suo fianco in attesa dei soccorsi. Erano circa le 20.30 di martedì, in Via Lonato a Castiglione: Pierre Zoke scende dalla sua auto e si avvia verso l'ingresso dell'azienda.

Pochi passi e finisce a terra, si accascia: fatica a respirare, gli occhi sbarrati e il sudore di un corpo che soffre. Alcuni operai – e il titolare Antonio Marchetti – lo vedono e cercano di soccorrerlo, in attesa dell'arrivo dei sanitari: niente da fare, l'operaio muore in pochi attimi, il suo cuore ha smesso di battere.

Inutile perfino il tempestivo intervento della guardia medica di Montichiari, e il trasporto a gran velocità in ospedale, al San Pellegrino di Castiglione. In azienda lo ricordano come uno dei migliori: vi lavorava da ben 27 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

Torna su
BresciaToday è in caricamento