Cronaca

Spara e uccide un ladro: gli chiedono 200mila euro di risarcimento

La storia di Michelangelo Rizzi da Castelnuovo del Garda: nel gennaio del 2006 sparò e uccise un ladro, quasi 11 anni dopo la famiglia del defunto avrebbe chiesto un risarcimento di 200mila euro

Foto di repertorio

LAGO DI GARDA. Era una fredda notte di gennaio, fuori forse nevicava. Michelangelo Rizzi aveva 39 anni, abitava con la moglie (e il cane Ira) a Sandrà di Castelnuovo. Rumori sospetti, una sagoma alla finestra mentre cercano di forzarla: ladri senza scrupoli che vorrebbero entrare in casa. Anche se in casa c'è qualcuno.

Ha preso la pistola, è sceso al piano terra della villetta e ha notato due persone. Avrebbe urlato loro di andarsene, questi avrebbero continuato con il loro lavoro. Per mandarli via, Rizzi spara: prima un paio di colpi, poi ancora e ancora. I giornali dell'epoca titolavano così: “Uccide il ladro sparando 13 colpi”.

Sono passati quasi 11 anni: era la notte del 26 gennaio 2006. Rizzi venne accusato di omicidio volontario, assolto in terzo grado dopo un processo lungo anni. Ma poche settimane fa, la richiesta inattesa: la sorella del ladro ucciso avrebbe chiesto un risarcimento di 200mila euro. Lo scrive Gardaweek.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spara e uccide un ladro: gli chiedono 200mila euro di risarcimento

BresciaToday è in caricamento