Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Aggredita dal suo pitbull, si presenta in caserma in un bagno di sangue

Decisivo l'intervento dei militari, che hanno allontanato l'animale: madre e figlia hanno riportato profonde ferite alle braccia, alle gambe e all'addome

A pochi giorni dalla mattinata “complicata” di Calvisano, dove una coppia di rottweiler ha seminato il panico in paese (per fortuna senza gravi conseguenze), un episodio ben più preoccupante si è registrato in un giardino di una casa di Castelleone, nel Cremonese, a una ventina di chilometri da Villagana e Quinzano.

Per la cronaca, mamma e figlia sono state entrambe aggredite del loro pitbull. Il cane, in preda a un incontrollato raptus di follia, ha prima azzannato la bambina e poi la mamma, a quanto intervenuta per difenderla. Entrambe avrebbero riportato profonde ferite e lacerazioni alle braccia, alle gambe e sull'addome.

Mentre la madre in qualche modo teneva il pitbull impegnato, la figlia – una ragazzina di 13 anni – ha attraversato la strada, in Via Sgazzini, e si è presentata alla caserma dei carabinieri (che sta proprio di fronte) chiedendo aiuto ai militari.

La piccola ha raggiunto la caserma ancora sanguinante, e ricoperta di sangue dalla testa ai piedi. I militari sono subito intervenuti, e sono riusciti ad allontanare l'animale. Il cane è stato poi sequestrato dai veterinari dell'Ats. Sia madre che figlia sono state invece ricoverate in ospedale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredita dal suo pitbull, si presenta in caserma in un bagno di sangue

BresciaToday è in caricamento