Nuovo rilevatore al semaforo, 'strage' di multe: più di 10 al giorno

Questi i numeri del primo mese di attività del rilevatore delle infrazioni semaforiche installato a dicembre a Castelgoffredo, all’incrocio tra Via Europa e Via Cesare Battisti: in tutto 324 multe, più di 10 al giorno

Poco più di dieci multe al giorno, in tutto 324 solo nel primo mese: sono questi i numeri del nuovo sistema di rilevamento delle infrazioni semaforiche installato all’incrocio tra Via Europa e Via Cesare Battisti, a Castelgoffredo. L’impianto è stato posizionato alla fine di novembre, e ha cominciato a funzionare a pieno ritmo dal 1 dicembre.

In 31 giorni esatti, come raccontato dal comandante della Polizia Locale alla Gazzetta di Mantova, sono state contestate 324 infrazioni con altrettanti verbali. Vuol dire solo una cosa: automobilisti indisciplinati anche con il semaforo rosso.

Le multe comunque non partono in automatico: ogni infrazione viene registrata, segnalata al comando e poi verificata da un operatore. Le sanzioni di dicembre sarebbe comunque tutte confermate: a breve dovrebbero partire le notifiche, consegnate direttamente a casa.

Sono solo due le sanzioni che il nuovo impianto può rilevare: la prima, e la più “costosa” sia in termini economici che di punti della patente, è quella del passaggio con il rosso. Nel dettaglio, si pagano 163 euro di multa e si perdono 6 punti. La seconda è il cambio di corsia quando il semaforo è già rosso: questa infrazione vale 2 punti della patente, e 41 euro di multa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Terribile schianto sulla Statale: Paolo non ce l'ha fatta, è morto in ospedale

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento