Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Blitz nella fabbrica: sono tutti irregolari, ma dentro non c’è più nessuno

Fuggi fuggi generale prima dell’arrivo di Polizia Locale e Asl a Castel Goffredo: blitz degli agenti in un laboratorio tessile clandestino alla Rassica. Ma una volta dentro non si trovano né gli operai né il titolare

Foto d'archivio

Un laboratorio tessile fantasma nella patria della calza. Blitz di Polizia Locale e Asl a Castel Goffredo, in uno dei tanti capannoni in località Rassica: segnalazioni e appostamenti confermano che all’interno si nasconde una piccola fabbrica clandestina, per il confezionamento dei vestiti. Ma una volta sfondata la porta, all’interno non c’è nessuno.

I diversi operai clandestini – tutti di origine cinese, e tutti probabilmente irregolari sul territorio italiano – se la sono infatti data a gambe in tempi da record. Lasciando così com’erano i macchinari per il taglio e il cucito, i tavoli per il confezionamento: insomma, una fabbrica completamente vuota.

Non si sa con esattezza quanti potessero essere all’interno dello stabile. Ennesimo esempio di uno sfruttamento estremo, con molti operai che probabilmente dormivano direttamente in fabbrica, tra sporcizia e umidità, dopo aver lavorato anche più di 12 ore al giorno. Denunciato il titolare, cinese anche lui: e, come i suoi connazionali, per ora scomparso e irreperibile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz nella fabbrica: sono tutti irregolari, ma dentro non c’è più nessuno

BresciaToday è in caricamento