menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Minaccia di morte la vicina, poi se la prende con i carabinieri

L'autore dell'aggressione si trovava già ai domiciliari, ed ora è stato trasferito in carcere

Una serata di follia, col risultato che gli arresti ai domiciliari sono stati commutati in carcere vero e proprio. Protagonista dei fatti, avvenuti a Castecovati, è un 32enne di origine marocchina con alle spalle problemi legati allo spaccio di droga, che nella serata di martedì se l'è presa prima con una vicina di casa, e poi con i militari arrivati per soccorrerla. 

La donna, giustamente impaurita, ha chiamato i carabinieri quando l'uomo ha iniziato a lanciare mobili ed oggetti vari dal balcone di casa sua, minacciandola di morte. Lo stesso trattamento è stato riservato ai militari del Radiomobile di Chiari e della stazione di Castrezzato, contro i quali il 32enne ha lanciato alcune sedie. A quel punto i carabinieri si sono introdotti nell'abitazione, dove l'uomo vive con la compagna.

Prima di riuscire ad immobilizzarlo, un agente è stato ferito a una mano, e un altro è stato ustionato a un braccio. Una volta avuta la meglio sul violento, i militari gli hanno messo le manette ai polsi e lo hanno portato in carcere. L'arresto è stato convalidato, le accuse sono per resistenza, minacce aggravate e lesioni personali, maltrattamento di familiari e possesso di droga ai fini di spaccio: nell'abitazione sono stati trovati infatti 22 grammi di hashish.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quando ci si potrà spostare tra regioni: c'è una data per maggio 2021

Attualità

C'è chi spacca tutto, chi tenta il suicidio impiccandosi: "Qua dentro è una polveriera"

Coronavirus

Covid, sono 51 i Comuni bresciani con dati da zona rossa: l'elenco completo

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Cosa riapre in Italia dal 26 aprile

  • Coronavirus

    Covid Bollettino Lombardia del 17 aprile 2021: tutti i dati

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento