Cronaca

Una vita tra i cantieri e la famiglia: Castelcovati piange Francesco

Venerdì mattina la comunità di Castelcovati si radunerà nella chiesa del paese per l'ultimo saluto a Francesco Milione. Il muratore 58enne si è spento in un letto del Civile a un mese di distanza da un tragico infortunio sul lavoro. Lascia la moglie e una figlia.

Un gran lavoratore, un padre attento e premuroso. Così Castelcovati ricorda Francesco Milione, l'operaio morto, dopo un mese di agonia, in un letto dell'ospedale Civile di Brescia. Un terribile incidente sul lavoro ha spento per sempre il sorriso di Francesco, gettando nello sconforto la moglie Loredana e la figlia Valentina.

Per più di un mese i familiari hanno pregato e sperato che le sue condizioni migliorassero. Tutto è cominciato lo scorso 15 novembre, in un cantiere edile di Chiari: il muratore stava effettuando delle misurazioni ed è rimasto schiacciato tra una piccola ruspa e un muro. I colleghi hanno immediatamente dato l'allarme e in via Tagliata è atterrata l'eliambulanza.

Poi la corsa in ospedale e il ricovero: le condizioni del 58enne sono però precipitate in poche ore, assottigliando le speranze dei suoi familiari. Il tragico epilogo la settimana scorsa, quando il suo cuore ha smesso di battere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una vita tra i cantieri e la famiglia: Castelcovati piange Francesco

BresciaToday è in caricamento