Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca

Nonnina violentata in casa, il colpo di scena del Dna: scarcerato il muratore

Il colpo di scena lunedì durante l'incidente probatorio: le macchie di sperma trovate sulle lenzuola della 87enne di Castelcovati non appartengo al 32enne rumeno finito in carcere

Foto d'archivio

È tornato in libertà, dopo ben 39 giorni di carcere, il 32enne rumeno accusato di aver abusato dell'anziana vicina di casa. A scagionarlo l'esito dell'esame del Dna, eseguito sulle tracce biologiche trovate sulle lenzuola (nonostante fossero state lavate) e sugli indumenti intimi della 87enne.

La svolta nelle indagini, condotte dai Carabinieri di Chiari e coordinate dal pm Ambrogio Cassiani, è arrivata lunedì nel corso dell'incidente probatorio che si è svolto in tribunale a Brescia.

Nonostante le evidenze scientifiche - gli esami sui campioni biologici sono stati ripetuti per ben tre volte - la donna ha confermato il racconto reso ai Carabinieri di Chiari nei giorni successivi alla violenza: è certa che ad abusare di lei sia stato proprio il manovale rumeno, con il quale non avrebbe mai avuto rapporti di vicinato idilliaci.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nonnina violentata in casa, il colpo di scena del Dna: scarcerato il muratore

BresciaToday è in caricamento