Spacciava cocaina fuori da una sala giochi: giovane pusher in manette

L'uomo incontrava i clienti a Castel Mella: è stato arrestato dopo alcuni giorni di attenta osservazione

Frequentava e incontrava i suoi clienti nel parcheggio di una sala giochi di Castel Mella il pusher marocchino, già noto alle forze dell'ordine, arresto domenica, dai Carabinieri di Roncadelle. Il 34enne è finito nella rete dei militari dopo giorni di attenta osservazione.

Il blitz domenica: i militari hanno deciso di controllarlo e a nulla è valso il tentativo del pusher di darsi alla fuga. Raggiunto e bloccato, è stato perquisito: addosso aveva 19 dosi di cocaina, per un peso complessivo di 10 grammi. Non solo droga, ma pure contanti: ben 610 euro in banconote, sequestrate insieme alla cocaina, perché ritenute provento dell’attività di spaccio.

Arrestato, dopo le formalità di rito, ha trascorso la notte agli arresti domiciliari a casa di un parente. La misura è stata convalidata durante il processo per direttissima. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento