rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Notte di follia: il nonno armato di ascia aggredisce la figlia e il nipote

E' stato condannato a 2 anni e 10 mesi (con rito abbreviato) il 71enne di Castel Goffredo che il 15 aprile scorso aveva aggredito con un'ascia la figlia e il nipote

Da tempo riversava la sua furia incontrollata addosso alla figlia e al nipote, e per chissà quale motivo: l'apice di questa storia di violenza si è registrato il 15 aprile scorso, quando in pieno lockdown si era presentato alla porta di casa della famiglia armato di ascia, era riuscito a entrare e aveva distrutto tutto minacciando, oltre alla donna, anche il nipote appena maggiorenne.

Dopo quella serata di follia era stato arrestato dai carabinieri: accusato di maltrattamenti, lesioni, violazione di domicilio e porto di oggetti atti a offendere, è stato condannato a 2 anni e 10 mesi con rito abbreviato. L'uomo è un pensionato di 71 anni di Castel Goffredo, nell'Alto Mantovano a pochi chilometri dai confini bresciani.

In casa anche una pistola e una carabina

Su di lui pendono anche altre accuse, per cui è stato denunciato e probabilmente finirà a processo: detenzione illegale di arma e detenzione di munizioni. I carabinieri, subito dopo l'arresto, avevano perquisito la sua abitazione e vi avevano trovato anche una pistola, una carabina e svariate munizioni.

La fine di un incubo per la figlia e il nipote, che come detto da tempo dovevano sopportare le angherie del padre padrone, o nonno violento dir si voglia. Una persona dal carattere difficile, che sfogava così la sua rabbia e la sua frustrazione. Anche brandendo un'ascia, come un pazzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Notte di follia: il nonno armato di ascia aggredisce la figlia e il nipote

BresciaToday è in caricamento