La moglie va a vivere con il figlio: cerca di bruciargli auto e casa

Spietato tentativo di vendetta da parte di un 77enne originario di Taranto. Si è presentato sotto casa del figlio a Castel Goffredo, cospargendo due auto di benzina e pronto a lanciare 4 molotov

La moglie decide di lasciarlo e di andare a vivere con i figli, lui si presenta sotto casa armato di molotov. E' successo a Castel Goffredo, dove i carabinieri sono dovuti intervenire in piena notte per fermare G.F., 77 anni, il pensionato originario di Taranto tramutatosi in piromane "per difendere la mia onorabilità".

La donna si era separata dell'uomo ormai da qualche settimana, andando a vivere con la figlia ma contando anche sulla protezione del figlio, che abita poco distante, nel tentativo di rifarsi una vita lontano dal marito-padrone.

Nella notte tra mercoledì e giovedì, il 77enne si è presentato sotto casa del figlio con quattro molotov pronte per essere innescate, cospargendo inoltre con una tanica di benzina due auto appartenenti ai suoi familiari. Fortunatamente, la nuora si è svegliata accorgendosi di alcuni strani rumori in strada, ed è riuscita così ad avvertire i militari.

L'uomo è stato arrestato con l'accusa di incendio tentato, resistenza a pubblico ufficiale, atti persecutori e porto di armi ed oggetti atti ad offendere. Nel baule della sua macchina, infatti, sono stati trovati una mazza da muratore e un coltello a serramanico con la lama di oltre venti centimetri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

Torna su
BresciaToday è in caricamento