Degenera addio al celibato, fratelli e cugini si prendono a bottigliate

Quasi 100 persone all'addio al celibato di un giovane di Castel Goffredo: il bar è vicino alla caserma dei Carabinieri, a metà serata scoppia una rissa. Forse troppo alcol: la festa finisce a bottigliate, due arresti

Un addio al celibato tutt'altro che tranquillo a Castel Goffredo: due giovani sono finiti in manette. E' successo sabato sera: a sposarsi – la cerimonia è prevista per domenica a mezzogiorno – è un ragazzo di origini indiane, residente in paese. In un noto bar del centro, tra l'altro a due passi dalla caserma dei Carabinieri, viene inscenata la classica festa d'addio al celibato.

Sembra che in tutto vi abbiano partecipato quasi un centinaio di persone, molti di loro parenti. E proprio tra consanguinei sarebbe scattata la rissa: quattro quelli che vengono alle mani, due fratelli e due cugini. A scatenare il raptus violento forse una parola di troppo.

A dar man forte alla rissa sicuramente il tasso alcolico diffuso ed elevato. Dalle parole ai pugni alle bottiglie in testa: il tafferuglio si conclude appunto con qualche bottigliata. Inevitabile l'arrivo dei Carabinieri: per i due armati di coccio è scattato l'arresto. E dunque niente matrimonio, solo bomboniere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schiacciati da mutuo e prestiti, due figli a carico: cancellati debiti per 267mila euro

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Crolla il balcone di un condominio: appartamenti inagibili, famiglie evacuate

  • Parrucchiere e cliente senza mascherina, salone chiuso dalla polizia

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento