Cronaca Via Verginello

Chiuso centro islamico del Bresciano, per la procura era una moschea abusiva

Dopo cinque mesi di indagini la procura di Brescia ha messo i sigilli al centro islamico di Castegnato: secondo gli inquirenti il magazzino di via Verginello era un luogo di culto abusivo a rischio fondamentalismo. I gestori annunciano un ricorso

All'interno di quei locali, concessi in uso dal comune ad un'associazione pakistana, avrebbero dovuto svolgersi solo attività culturali e commerciali. Secondo gli inquirenti l'attività preponderante era invece la preghiera e sono quindi scattati i sigilli. 

Sul capannone di via Verginello a Castegnato vigilavano da tempo i Carabinieri di Ospitaletto: nei cinque mesi di indagine i militari avrebbero accertato che si trattava di una moschea abusiva, potenzialmente a rischio fondamentalismo. 

Tutte le informazioni raccolte dai militari sono quindi finiti sui tavoli della procura di Brescia, che ha disposto la chiusura del centro islamico. I gestori però non ci stanno e annunciano la volontà di fare ricorso, respingendo ogni accusa. Secondo l'associazione in quei locali vengono svolte azioni caritatevoli e insegnata la cultura pakistana ai più giovani: i momenti di preghiera sarebbero marginali. 

Il caso della 'moschea fantasma' ha tenuto banco per mesi tra i banchi del consiglio comunale di Castegnato: da una parte i gruppi di opposizione denunciavano la trasformazione del centro in un luogo di culto abusivo, dall'altra il primo cittadino Gianluca Cominassi  avrebbe più sottolineato la regolarità dell'attività svolta dal centro culturale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiuso centro islamico del Bresciano, per la procura era una moschea abusiva

BresciaToday è in caricamento