menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ladri senza vergogna al cimitero: rubata la croce per le vittime del Covid

Era stata apposta da poche ore sulla lapide commemorativa che si trova al cimitero di Castegnato. Rabbia e sgomento in paese.

È sparita, poche ore dopo l'inaugurazione ufficiale, la croce in bronzo che corredava la stele di marmo posta all'ingresso del cimitero di Castegnato per commemorare tutte le vittime mitetute in paese dall'epidemia di Coronavirus. 

Un gesto vile, che ferisce tutta la cittadinanza, e che per il momento resta impunito. Il furto è avvenuto lunedì sera, proprio a poche ore dall'inaugurazione del monumento commemorativo da parte del sindaco Gianluca Cominassi durante la giornata dedicata al ricordo delle vittime castegnatesi del coronavirus. 

Si tratta oltretutto di un'opera in bronzo del noto artista Ettore Calvelli, commissionata dalla farmacista del paese e poi donata tre anni fa alla parrocchia. Inestimabile il valore per la comunità, ma anche quell economico: ben 26 opere di Calvelli sono infatti ospitate all’interno dei Musei Vaticani.

L'ignobile e vergognoso colpo è stato messo a segno prima delle 21.30 di lunedì: alcuni passanti hanno infatti avvertito degli strani rumori all'interno del cimitero e hanno immediatamente dato l'allarme. Sul posto si sono precipitati i carabinieri di Ospitaletto, il vice sindaco di Castegnato Patrizia Turelli e il parroco Don Fulivo Ghilardi.  Al loro arrivo dei malviventi non c'era però già più traccia. Di sicuro è opera di una banda, date le dimensioni della croce (misura 1.60 x 0.90 metri,) e anche piuttosto organizzata.

I carabinieri lavorano per rintracciare i ladri, anche vagliando le immagini delle telecamere della zona. In paese e sui social crescono rabbia e sgomento: "Ho appreso con rammarico quello che è successo al cimitero, ho provato un grande dolore, come se avessero voluto cancellare un bellissimo gesto, che a noi colpiti dalla morte di una persona cara, aveva fatto tanto piacere, era un modo per far sentire ai nostri cari che eravamo e siamo con loro con il nostro amore e con il ricordo. Nessuno che ha vissuto questa tragedia dimenticherà, ma è veramente triste sapere che al mondo esistono persone senza cuore e dignità", è uno dei tanti commenti apparsi sulla pagina Facebook del paese. 
  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento