menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non dichiararono la nascita del figlio. Consulta: «La potestà resti ai genitori»

Per il delitto di soppressione di stato il genitore perde la potestà sul figlio. In modo opposto si è però espressa la Consulta. La decisione sul caso di una bimba nata a Brescia il 13 ottobre 2000

La perdita della potestà genitoriale per genitori che non dichiarino all'ufficiale di stato civile la nascita di un figlio entro il termine di legge, rappresenta una pena accessoria che danneggerebbe il minore ed è in contrasto con i principi stabiliti dagli articoli 3 e 117 della Costituzione, il primo sul diritto di uguaglianza dei cittadini, il secondo sui vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario e internazionale.

Lo ha stabilito la Corte Costituzionale nella sentenza n. 7/2013, giudice relatore Paolo Grossi, depositata oggi, che ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'articolo 569 del codice penale, nella parte in cui stabilisce che, in caso di condanna pronunciata contro il genitore per il delitto di soppressione di stato (art. 566 codice penale), consegua di diritto la perdita della potestà genitoriale.

La decisione fa riferimento al caso dei genitori di una bambina nata a Brescia il 13 ottobre 2000 che avevano omesso di dichiarare all' ufficiale di stato civile la nascita.

La vicenda è giunta in Cassazione e la Suprema Corte si è rivolta alla Consulta, che ha ritenuto fondata la questione. Rispetto alla perdita della potestà genitoriale, la Corte Costituzionale ritiene che "l'automatismo che caratterizza l'applicazione della pena accessoria risulta compromettere gli stessi interessi del minore".

"La salvaguardia delle esigenze educative ed affettive", rileva la sentenza, sarebbero "compromesse, ove si facesse luogo ad una non necessaria interruzione del rapporto tra il minore ed i propri genitori in virtù di quell'automatismo e di quella fissità".


Al contrario, va garantita al giudice "ogni possibilità di valutazione dell'interesse del minore nel caso concreto". Inoltre "la questione risulta fondata anche sul versante della necessaria conformazione del quadro normativo agli impegni internazionali assunti dal nostro Paese sul versante specifico della protezione dei minori".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    Giornate FAI di Primavera 15 e 16 maggio 2021

  • Concerti

    Brescia: Omar Pedrini alla Latteria Molloy

  • Attualità

    Brescia vince il premio "Città italiana dei giovani 2021"

Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento